venerdì 18 marzo 2011

Anche i puffi subiscono gli stereotipi

Qualche minuto fa la TV della mia cucina era sintonizzata su Rai1. Andava in onda il programma L'eredità, condotto da Carlo Conti.
Mia madre, mentre era ai fornelli, ascolta la domanda posta alla concorrente:
Davanti la casa di quale "ometto blu" la cicogna deposita il piccolo baby puffo?
a- puffo sognatore
b- puffo musicista
c- puffetta
d- nonna puffa

Mia mamma, convinta e un po' stupita della domanda così banale, risponde: "Beh, Puffetta, no? Che dici te?!"
Del resto: chi altro avrebbe potuto scegliere la cicogna per consegnare un "bambino" se non l'unica femmina giovane della lista? Di certo non i due puffi maschi,  e la nonna è troppo vecchia.
Voglio immaginare i puffi alle prese con dibattiti sulla questione di genere.


PS: la risposta esatta alla domanda era "puffo sognatore" - o "musicista", se non sbaglio. In ogni caso: non puffetta!

6 commenti:

  1. Puffetta era adorabile, non mi toccare i miei ricordi d'infanzia, tra l'altro lo sai che l'aveva creata Gargamella?
    Su internet circola una lettura "politica" dei puffi in base a cui sarebbero una metafora della società comunista sovietica..secondo me sono riflessioni legittime, ma discutibili.
    Comunque dare letture nuove e sovversive rispetto all'originale è più che giusto: i Wu Ming hanno scritto un racconto dove Paperino fa la lotta di classe, se vuoi che la Puffetta vada a lavorare e affidi baby puffo a qualche altro puffo, scrivila tu una storia così! comunque se ricordo bene era tutto il villaggio dei puffi ad occuparsi di baby puffo (compreso il puffo brontolone che odiava tutto e tutti) mica solo la puffetta.

    RispondiElimina
  2. @Paolo, credo che i puffi abbiano colorato l'infanzia di molt* di noi! :) Meravigliosi, già! Interessante l'opportunità di cimentarsi in nuove scritture/letture di prodotti d'animazione; tuttavia, non credo di avere né il talento né la voglia per misurarmi con la scrittura, in questo momento. Invece, cerco immediatamente la lettura sovietica di cui parli: da russista non posso che informarmi al riguardo! Grazie mille!

    PS: la risposta esatta alla domanda era "puffo sognatore" - o "musicista", se non sbaglio. In ogni caso: non puffetta! ;)

    RispondiElimina
  3. Ho trovato un paio di articoli sulla lettura sovietico-comunista dei puffi:
    http://www.diogenemagazine.eu/home/index.php?option=com_content&view=article&id=144:i-puffi-la-societa-degli-ultimi-comunisti&catid=18:vita-quotidiana&Itemid=111

    http://mimmasuraci.wordpress.com/?s=puffi+comunismo

    RispondiElimina
  4. A me sinceramente queste letture ideologiche continuano a lasciarmi perplesso (per usare un eufemismo). nel secondo link si dice addirittura che il gatto Birba alluderebbe agli ebrei! Ma per favore!

    RispondiElimina
  5. Se i puffi sono compagni, per me tanto meglio, ma il figlio di Peyo ha dichiarato che al padre la politica non interessava.

    RispondiElimina
  6. Io li ho linkati per farteli leggere. Ti dirò: mi fanno parecchio ridere! :)

    RispondiElimina