domenica 6 marzo 2011

Crociate

Stamattina mi sono detto: "Andiamo un pò a vedere chi si è preso la briga di offendere, discriminare o semplicemente dimenticarsi delle persone gay in questi ultimi giorni?", e ..... voilà, ampia scelta!
Doveroso, però, postare questa notizia.
All'inaugurazione dell'Anno giudiziario del Tribunale ecclesiastico della Liguria, il Monsignor Rigon ha dato libero sfogo ad un'altra delle favolose e piacevolissime idiozie chiesastre. Sunto: le persone gay sono annoverate tra le cause dell'aumento di divorzi, annullamenti e instabilità sociali; in più, immancabilmente, sono da curare.
Qui l'articolo di Repubblica.
Fortunatamente c'è anche chi risponde, soprattutto tra coloro che hanno presieduto all'incontro dell'Ordine degli Psicologi della Liguria. Ecco.
Impeccabile Chiesa, come sempre. Non ci deludi mai!

14 commenti:

  1. Ah-ah! Ti ho ribeccato sul blog di Fefo! :-)
    Alla fine l'hai aperto un blog!
    Per rispondere alla tua domanda in alto: direi proprio che no, purtroppo il passato non si soffia via...ma più spesso è il presente che "vola" verso un futuro sempre più imminente!
    Buona serata.

    RispondiElimina
  2. Ciao Rory!
    Mi ricordo di te, anche tu ormai ti sentirai una zia di Eleonora e Sofia, un pò come tutti noi ...
    Sono d'accordo con te, e toglierei il "purtroppo": forse la goduria sta proprio nel vivere cose nuove, nel volare verso cose nuove spinti dal proprio passato. Bene così!
    Passa di qui ogni tanto!
    Anzi: ne approfitto per rivisitarti!

    Buona serata a te.

    RispondiElimina
  3. Passerò di certo. Non sono riuscita a iscrivermi perchè non hai il tasto "segui" sul blog. Però ci riprovo! :-)
    A presto.

    RispondiElimina
  4. E' vero, non ho ancora inserito la modalità, però vedo che alcuni mi hanno aggiunto; se non troviamo il modo astruso, cliccheremo ogni volta! ;-)

    Un bacio!

    RispondiElimina
  5. Se gli omosessuali sono da curare, pare che un sacco di loro abbiano scambiato la Chiesa per una clinica...

    RispondiElimina
  6. @Giulia Proponiamo una cura generale? :-)
    Ma tu mi scrivi dai safari: te sei abbbronzata?!

    RispondiElimina
  7. Io ho stima di Nichi Vendola, ma mi sono sempre chiesto come fa un gay ad essere cattolico, masochismo, forse?...e per me dire credo in Dio ma non nella Chiesa lascia il tempo che trova: se ti dichiari cattolico allora devi accettare che Il Papa è vicario di Cristo (il portavoce del Figlio di Dio, in pratica) ed è infallibile quando parla ex cathedra.
    Quantinque pure i comunisti nei confronti dei gat abbiano qualcosa di cui farsi perdonare: vedi Cuba anche se di recente Castro ha chiesto scusa per il passato di omofobia e oggi Cuba ha fatto enormi passi avanti grazie a Mariela Castro, direttrice del Cenesex (Centro Nazionale per l'educazione sessuale).

    RispondiElimina
  8. @Paolo Condivido le tue perplessità. Ti dico: in questo momento sono in biblioteca, e accanto a me c'è un mio caro amico gay e cristiano. Mi dice che, sebbene creda in Dio, non crede nella Chiesa. Ed io non capisco! Accetto di buon grado, ma non capisco.
    In ogni caso, il problema della Chiesa cattolica resta il suo conservatorismo radicale, che sfocia, ormai, in una patetica presa di posizione e in milioni di apriori che una società moderna non può accettare.
    E parlo di tutti, omosessuali e non.

    RispondiElimina
  9. Se il tuo amico è protestante (magari valdese) allora se ne può fregare della Chiesa cattolica, ma se è cattolico no o s'impegna a cambiare la Chiesa assieme a parroci come Don Andrea Gallo, e altri esponenti del clero un po' più "aperti" oppure la abbandona (cosa che io consiglio di fare).
    Quanto al conservatorismo della Chiesa..io, che peraltro sono felicemente agnostico e sempre più ateo, ho semplicemente smesso di ascoltarla anche quando dice cose condivisibili (ma banali) sui poveri e gli immigrati (salvo poi affossare la teologia della liberazione che i poveri voleva aiutarli davvero, ma lasciamo stare.

    RispondiElimina
  10. @Paolo Il mio amico è cristiano cattolico: mi racconta, però, che più passa il tempo e più non riesce a trovare una collocazione, una collaborazione, direi, con la Chiesa. Tantopiù che si impegna nelle battaglie civili che ci uniscono: questo lo porta, ovviamente, a riconoscere - ma lo fa volentieri, senza vittimismo - l'incapacità dell'istituzione.
    Riconoscere questo e prenderne le distanze è già molto. Impegnarsi per farla evolvere ... beh, è più complesso, ma forse doveroso.

    RispondiElimina
  11. Ame :) Non necessariamente una persona che crede deve avere fiducia in una istituzione, soprattutto se piena di contraddizioni. In quanto alle cattiverie propinate contro i gay..eh beh..sarà tutta invidia, come al solito vogliono avere loro il primato ;) E se permetti, un gay in divisa..va tutelato ai danni di uno in borghese ;)

    RispondiElimina
  12. Ale! Sorpresona!
    No, questo è vero. Esco appena da una conversazione/scontro con un amico in cui mi faceva notare - giustamente - come siamo sempre tutti pronti a lanciare fuoco e fiamme contro la Chiesa, senza porci molteplici domande, senza assumere molteplici sguardi.
    Vero, devo dire.
    Ma mi rendo conto che dopo dichiarazioni come questa mi verrebbe da dire: "Mi basta". Purtroppo.

    RispondiElimina
  13. Credere in Dio non significa credere nella Chiesa!
    Dio può essere chiunque, qualunque cosa, per ognuno di noi!
    Credere in UN Dio non vuol dire seguire il Papa o chi per lui. La Bibbia, come la Chiesa, sono state create dall'Uomo, essere umano, pieno di contraddizioni.. Il macello è successo all'incirca 2000 anni fa, quando un bel giorno qualche sacerdote, prete, riccone o chi per lui, si è svegliato credendo di essere Dio, e da quel momento ha creduto di possedere la verità.
    Oramai ho smesso di pormi domande sulla Chiesa, a mio parere, la più grande fonte di corruzione mondiale. Sono arrivata a pensare che chi ci crede, chi la accetta, lo fa solo perché è poco informato!

    E come dicono i Negrita:
    CHE DIO CI PERDONI SE STIAMO PREGANDO COL LIBRO IN UNA MANO E LA BOMBA NELL'ALTRA, LA GUERRA NON E' SANTA MA CI STIAMO ARRIVANDO!

    http://www.youtube.com/watch?v=v-3kFaNyfPE

    RispondiElimina