mercoledì 20 aprile 2011

Accettare e scorrere

Ogni volta mi do una nuova chance, una nuova possibilità, nella speranza che uno di noi due possa cogliere o scoprire una briciola di nuovo, possa proporla, regalarla, almeno. Finisco sempre per provarci da solo e sentirmi respinto, nonchè umiliato.
Da ieri sera rifletto su quanta energia richieda la necessità di accettare di vivere una situazione di dolore.
Tutti ci abbandoniamo a grandi pianti e ad isterismi di fronte ad incidenti, lutti e simili.  Pur riconoscendo la portata distruttiva di simili eventi, mi spaventa molto di più l'altra cosa.
Penso a quanta energia io spenda ogni giorno per accettare che i nostri percorsi siano indipendenti, ormai; che i passi che io faccio tu non li vedrai più, potrò al massimo raccontarteli, ma non potrai più metterci i piedi sopra, ricalcarli, perchè hai scelto di essere e correre altrove. 
Penso alla forza che ci metto mattino dopo mattino per accettare di essere triste, di sentirmi solo, di amare chi non mi ama, e allo stesso tempo non cedere alla tentazione di credere che il mondo sia chiuso, che sia incatenato con me.
Sapere che mentre io penso, combatto, riprendo un respiro meno affannato, chissà dove e come tu sei felice è una prova di coraggio impari. 
Tutto questo mi sconvolge.

14 commenti:

  1. Every little thing is gonna be all right!
    Non spegnerti, non te lo puoi permettere!
    Per Te!

    Ps.Il mio numero è sempre lo stesso!

    RispondiElimina
  2. Accettare che una relazione è finita è molto difficile,soprattutto se è stata molto sentita. Non importa la durata. Ognuno di noi è toccato e sconvolto da cose diverse, che esse siano eterne o momentanee.
    La cosa più dura è imparare a tornare a pensare al singolare. Si era fatto presto ad imparare a dire e soprattutto pensare "noi facciamo ..", "noi andiamo .."...
    L'unica cosa certa è che si può tornare a pensare al singolare, e questa certezza ci permette di svegliarci tutte le mattine ed essere sconvolti, come dici tu, dallo spaesamento e dalla delusione.

    Vedrai che riuscirai anche tu ad andare avanti e, quando proprio vorrai girarti indietro ripenserai ai momenti belli, che, qualunque cosa sia successo, sono i più importanti.

    Sorridi e vai avanti!

    Seya

    RispondiElimina
  3. Tutto passa, tutto scorre e prende il tempo che necessita. La fine di una relazione non è mai bella, Ame..ma è ancor più brutto chiudere gli occhi e fingere che tutto vada bene, magari per mesi..anni. E' come camminare con l'ombrello sotto al diluvio universale. Perchè lo prendiamo, per bagnarci di meno? In fondo, sempre fradici torniamo a casa. E allora vivitelo questo dolore, in pieno. Pensaci e stacci male, tanto staresti male comunque. E intanto guardati intorno. Non sei solo. Ci sono tante persone che ti stimano (io) e che ti vogliono bene perchè sei veramente una gran bella persona. Che qualcuno non l'abbia capito o abbia voluto farne a meno..beh..cazzi suoi. Per te solo il meglio, che arriverà, non temere :)

    RispondiElimina
  4. Sei stata molto carina, Ale.
    Davvero grazie.

    Un bacio.

    RispondiElimina
  5. Queste parole mi hanno colpita profondamente, perche' l'angoscia mattutina che vivo ogni giorno al mio risveglio da oltre un anno non avrei saputo descriverla meglio. Da un anno mi ripeto, passa, passa, passa, prima o dopo passa, di tutto mi e' successo, anche cose meravogliose e che avrebbero dovuto distrarmi completamente... e invece no, lui e' sempre li', dentro di me, mentre in verita' e' felice altrove,e senza di me. Speriamo che passi. Ti sono vicina, un bacio. Viola

    RispondiElimina
  6. E sono cosi' rintronata che mi accorgo ora che il post e' di oltre un anno fa!!! Ah ah ah , che gioietta, come se per me il mondo si fosse fermato nel 2011... mentre sono solo sciocchezze, d'amore non si muore, giusto? Mi sa che sto parlando da sola :-) e Viola svola altrove sorridendo, che e' meglio!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Viola, non sai che piacere il tuo messaggio!
      Oggi, esattamente poche ore fa, ero con lui. Proprio lui, l'amore di cui parlo in questo post. E' andata bene, benissimi, ci siamo raccontati molte cose con grande gioia e serenità.
      Confermo: tutto passa. :-)

      Elimina
  7. Si, vero, tutto passa... Le cose si assestano, il tempo scorre e quindi tutto passa. Nel mio caso, trattandosi di 12 mesi e 20 giorni di polvere ormai, anche stamattina mi sono svegliata furiosamente malinconica perche' il mio primo pensiero e' sempre il medesimo. Mannaaaaggia, che lavarsi il cervello con la varechina porti qualche risultato? Mumble mumble, devo provare! Ti faro' sapere... grazie per la tua risposta.
    Serenamente, Viola

    RispondiElimina
  8. Sono capitata per caso su questo post.
    Anche nel mio caso Viola è passato un anno con la differenza che qualche mese fa ho ricevuto un carillon al quale non ho saputo reagire finché non ho capito che volevo riprovarci.Ho fatto in modo di rivederlo e il risultato è stato devastante.Io che voglio una vita con lui e lui che si rifiuta perché ha elaborato il lutto e "il nostro treno è passato".Mi pensa sempre e sta con una donna che non ama, ma ormai non si può più recuperare nulla.Tanti piccoli passi in avanti per poi ritrovarmi scaraventata in un incubo.Amedeo che dire, confido nella tua esperienza :).
    Amelie

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao!

      Ti capisco.
      E, per dirla tutta, non so che cacchio di consiglio darti :|
      Credo che, a questo punto, l'unica cosa sia pensare a cosa di buono tu puoi fare: e il buono è sempre farsi del bene. E in questo caso farsi del bene credo voglia dire proprio riprenderti in mano la tua vita, da sola.

      In ogni caso, un grande, grande in bocca al lupo. <3

      Elimina
  9. Rieccomi, sono Viola. Sono ricapitata qui per caso questa sera... rileggermi mi ha emozionato. Non conto piu' i giorni, potrei aver scritto questo post un mese fa, forse sei, non lo so!la mia polvere si e' finalmente sedimentata. Ho scoperto che a mettersi tra di noi era stata una terza persona, invidiosa, mentalmente disturbata e piuttosto fantasiosa... che aveva inventato delle cose per allontanarlo da me... Ora tutto si e' chiarito, lui sa quanto valgo, mi cerca di nuovo, con una dolcezza infinita...cosi' come e' nella sua natura che tanto ho amato. Mi dice, nessuno puo' dividerci, noi ci siamo cercati sempre... Ma io ora sto bene da sola. Lui le ha dato ascolto,allontanandomi, facendomi soffrire, e io ora ho capito quanto vale lui. E, di grazia!, come sto bene con me stessa, ora che i dubbi sono dissolti, ora che ho ritrovato il mio equilibrio, ora che mi sveglio la mattina senza quel chiodo fisso. Confermo, TUTTO PASSA. E se non passa spesso significa solo che c'e' qualche gomitolo aggrovigliato ancora da sistemare. Buonanotte a tutti! ^___^

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Questa sì che si chiama vita! Grazie!

      Elimina
  10. Caro Amedeo..vorrei aver scritto un post così, per poi poter dire anche io di aver passato una giornata con lui, e che è stato bellissimo. Non mi ricordo più le cose belle. Mi ricordo sempre tante cose, il suo modo di lavarsi i denti, come si arricciava le orecchie, come dormiva e come russava....questo mi ricordo, queste erano le cose belle. Niente è per sempre, ma io mi chiedo perché noi non potevamo durare quanto la nostra vita? Ci siamo conosciuti a 19 anni, forse troppo giovani per poterci sperare...per poter sperare che lui un giorno dopo 7 anni non mi dicesse che non mi vuole più. Ho cercato le mie colpe, ho cercato di capire, ho cercato di non ricordare...tutto....tranne di accettare che lui non mi vuole senza un perché vero e proprio. Ti ho amato, ti ho protetto, sorretto, ascoltato, rispettato, e poi ti ho anche lasciato andare....cosa posso fare di più? nulla, per te nulla amore mio. Posso fare qualcosa per me adesso, ed è smettere di sperare che tu senta improvvisamente la mancanza di quella che definivi "la ragazza migliore del mondo"...smettere di preoccuparmi per te perché so che non sei felice anche senza di me....smettere di credere che tu hai bisogno di me ed io di te. Penso di aver finito le lacrime, e le preghiere, e i desideri, e le speranze.....penso che se mai busserai ancora alla mia porta dovrà essere perché senza di me ci puoi stare...ma non vuoi farlo. Penso che avevo scelto te per accompagnarmi nel viaggio della mia vita....penso che se potessi sceglierei sempre te.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sono onorato di accogliere sul mio blog un commento così importante come il tuo.
      Ti posso dire, con tutta la retorica e insieme senza alcuna retorica, che tutto passa.
      Dopo due anni brutti, brutti parecchio, io sono rinato. Sono solo cmq, eh, lui non è tornato - e meno male!, nel mio caso - io sono ancora da solo ma vivo con tutta un'altra consapevolezza.
      NOn temere. Finché qualcuno non ci brucerà con un falò di noi niente si consumerà, ogni parte di noi diventerà solo più sensibile.

      Ti abbraccio

      Elimina