lunedì 11 aprile 2011

Ecco la mia faccia : - |

Un paio di sere fa ero con mia sorella e una sua amica sul divano a fare due chiacchiere. 
Mia sorella mi dice: "Ora ti farò vedere un video che gira su facebook in questi giorni che credo proprio ti farà morire dal ridere ...". Vediamolo!
Già dal titolo mi salgono i brividi: Differenza genetica tra uomini e donne. 
Differenza?! Genetica?! Ok, mi tengo. Pronto. 
Ecco il video.





Al di là del fatto che gli idioti creatori del video parlano di sesso nel titolo e di differenza di genere all'interno, la cosa più angosciante è un'altra - tra l'altro più prevedibile: la bambina è rappresentata come un prototipo di donna isterica, dalla voce stridula, insopportabile; il bambino ... si scopa letteralmente una bambola. 
Ora. Visto che prima del video passa la scritta "Lo scopo nella vita delle donne e degli uomini si nota fin da neonati ...", si potrebbe pensare che in fin dei conti, tra un uomo che vive scopando e una donna che vive parlando e comunicando, sebbene rompendo l'anima agli altri per tono e contenuti, sarebbe preferibile la seconda. 
Invece: davanti l'immagine della bambina c'è il silenzio; nel momento in cui parte l'immagine del bambino-trivellatore il pubblico parte con un "oohhhh !!", e applaude.
Che tristezza.


11 commenti:

  1. Penso che ad ogni cosa vada dato il giusto peso.. L'avevo visto anche io questo video, e mi ha fatto ridere! Non credo che chi l'abbia fatto abbia avuto intenzioni tanto profonde da voler davvero sottolineare una differenza genetica tra i due sessi, è stata semplicemente l'esasperazione di uno stereotipo.. Ma forse bisognerebbe prenderla con un po' più di leggerezza! Insomma, è una stronzata di video.. è chiaro che quel bambino faceva quel movimento,(che del resto fanno sempre anche le donnine) non per scoparsi la bambola, ma per giocare. Se al posto della bambola avessero messo un "bambolo" avrebbe fatto la stessa cosa..

    RispondiElimina
  2. Non sono d'accordo, Katia.
    Soprattutto su un aspetto: proprio il fatto che chi ha creato questo video non avesse intenzioni profonde mi preoccupa.
    Intendo dire che uno dei pochi, o forse l'unico, strumento indicato con cui trattare gli stereotipi è il gioco, la voglia di ironizzare, per dissacrarli. I creatotori del video - come il pubblico che applaude - non è affatto in grado, a quanto pare, di fare dell'ironia con le caratteristiche stereotipiche maschili e femminili, bensì le mettono in risalto in modo serio e convinto, tanto da ritenerle naturali, derivate per discendenza genetica.
    Sinceramente, con tutto l'esercizio che faccio posso ritenermi un po' meno assuefatto - sempre troppo poco - ad immagini stereotipate e omologate; mi preoccupo, invece, per l'effetto di appiattimento del pensiero e del senso critico che video come questi hanno su persone meno pronte a riconoscere determinati messaggi e disinnescarli.

    RispondiElimina
  3. Ame se al bambino avessero messo un cane invece che una bambola avrebbe fatto lo stesso movimento.. e credo che ogni genitore per quanto ottuso se ne renda conto. E' stato creato per ridere, è ovvio che anche i maschietti possono essere logorroici come possono non esserlo le femminucce.. Però quando si scrive "differenze di genere" non è che lo sta scrivendo uno scienziato, lo scrive probabilmente una persona che vuole solo far fare due risate. Non tutto deve essere esasperato.. Sono ben altre, secondo me, le cose di cui dobbiamo preoccuparci.. E ben altri gli stereotipi che davvero sono esistenti nel mondo dell'infanzia.. Quelli si, andrebbero abbattuti..

    RispondiElimina
  4. Io non ho fatto alcun riferimento al movimento pelvico del bambino: è evidente(!) che sia inconsapevole. Ma questo non c'entra in nessun modo.
    Proprio il fatto di creare un video simile per far fare due risate non mi piace: perchè devo farmi due risate su una considerazione sociale collettiva dannosa? Sai, io credo che siano proprio atteggiamenti come quello espresso nel video, ritenuti innocenti ed innocui, nati giusto per divertire un po', a rinsaldare gli stereotipi più grandi.
    Credo che dal considerare una bambina logorroica PER NATURA al ritenerla fuori luogo in una facoltà come Ingegneria aerospaziale, riservata agli uomini - PER NATURA guidati da razionalità, mente, calcolo, intelletto - il passo sia breve.
    Non mi fido, ecco.
    Un esempio: qualche giorno fa scrivevo le ultime righe della tesi, e tra le molte frasi ce ne era una che si riferiva all'umanità.
    Mi sono tornate in mente le parole di Paola Mastrangeli, una femminista storica, riguardo la differenza d'uso tra "uomo" e "essere umano". Ho cambiato la parola con la seconda, perchè parlavo del genere umano e non di un maschio. Ci è voluto un po' per abituarmi, all'inizio mi stonava.
    Un esempio di come siamo abituati a molte cose, non per questo corrette.

    RispondiElimina
  5. http://femminileplurale.wordpress.com/2011/04/09/si-faccia-una-domanda-e-si-dia-una-risposta/

    RispondiElimina
  6. A me non ha fatto ridere e sinceramente mi chiedo quale sia lo spessore morale e psicologico di quelli che hanno riso nel video (Sempre ammesso che non sia una risata collettiva registrata e inserita dal creatore del video....sì, si può fare!)...

    Ho letto i commenti.
    Parlare di essere umano al posto di uomo è una cosa che ho (quasi) imparato ad usare dopo che un mio amico trans (e profondamente orgoglioso di esserlo) mi ha zittita e corretta in mezzo ad un locale, in maniera tutt'altro che tranquilla e cortese.
    Io lo avevo chiamato uomo e lui mi ha gentilmente fatto notare che la misura del suo reggiseno era maggiore della mia.
    Ora non ci faccio più caso, penso sia questione di abitudine.

    Seya

    RispondiElimina
  7. @Seya
    Intendevo dire proprio ciò che tu hai espresso con l'aneddoto.

    RispondiElimina
  8. Il video prima ancora che sessista mi pare idiota
    e non mi fa ridere.
    Non so se volessero giocare o ironizzare con gli stereotipi, ma preferisco che a farlo siano gli autori dei telefilm comici.

    RispondiElimina
  9. Non credo sia poi così breve questo passo. Sono la prima ad essere una femminista convinta, e sono la prima che va contro gli stereotipi. Semplicemente secondo me non c'è da drammatizzare perché i problemi sono altri. A mio avviso, si intende!

    RispondiElimina
  10. Non mi fa ridere neanche a me, Amedeo concordo con tutto quello che dici!

    RispondiElimina
  11. Credo siamo in molt* ad essere d'accordo, domusorea. :)

    RispondiElimina