martedì 26 luglio 2011

Gli incroci

Lo scorso giovedì mi è capitata un'esperienza indimenticabile - per stanchezza, frustrazione e rivelazioni. A causa di uno sciopero nazionale di treni, autobus e metro, i collegamenti tra Roma e Latina, dove io dovevo tornare, erano interrotti. Sono rimasto buttato su una scalinata della Stazione Termini di Roma per otto ore e mezzo. 
Inutile descrivere l'angoscia che ti piglia quando leggi SOPPRESSO sul tabellone, solo all'orario in cui era prevista la partenza. Così per tutti i treni utili, intendo. Per otto ore e mezzo.
Una cosa, però, mi ha colpito. La molteplicità di persone. Diverse.
C'erano studenti universitari, che ne approfittavano per studiacchiare e ripetere qualche esame imminente; lavoratori distrutti, che sarebbero stati disposti ad escogitare un attentato altrove così da far smettere la grève; persone di mezza età, che si lamentavano con lo spirito classicamente cattolico - il vittimismo, "capita tutt'aa mmme!"; stranieri - africani, per lo più - che ci mettevano tre secondi ad alleprarsi per terra e dormire, mentre tutti noi li guardavamo stupiti del coraggio.
Tutti questi incontri, tutti questi incroci, mi ricordano perchè amo le metropoli.

ps: ho anche conosciuto Milena Vukotic (scusate l'assenza di diacritico!)
ps2: ho scoperto che il diacritico non va - con il diacritico si chiamava la regina del Montenegro!

5 commenti:

  1. L' hai conosciuta sul treno? :-)

    RispondiElimina
  2. Quelli che riescono a dormire in ogni posto e in ogni situazione, extracomunitari o no, mi fanno un'impressione incredibile. Sarà che io sono sempre molto guardigna con borse e documenti...

    ..come hai fatto a conoscerla??

    Seya

    RispondiElimina
  3. No, è passata con la sua valigia in mezzo alla stazione. Io, con la mia faccia ormai deleritta e qualche patatina presa al mac in bocca (aperta), le faccio un cenno, mentre mi guarda, e bisbiglio: "Piacere!". Lei, con un'eleganza senza pari, mi risponde sorridendo: "Buongiorno!", e se ne va.

    RispondiElimina
  4. Nessuno! Proprio nessuno ti perdonerà mai per l'assenza di diacritico!!!!!! Vergogna!!

    RispondiElimina
  5. @dario

    Tu ci scherzi, per me è come pronunciare "Dostoieski", oppure dire "Gogòl", capisci?!
    Purtroppo - non so perchè - molti siti riportano il suo cognome senza diacritico, quando invece ce l'ha!

    RispondiElimina