lunedì 18 luglio 2011

Quando si dice "scheccare"

In questi giorni sto leggendo un saggio davvero interessante, nonchè scritto magistralmente, dal titolo Quando eravamo froci, che ricostruisce le condizioni di vita, di espressione e di incontri tra uomini nelle grandi città italiane - Roma, in particolare - tra gli anni '50 e '80.
Una delle maggiori figure di spicco, anche intervistata dall'autore, è Paolo Poli.
Sino ad ora lo conoscevo ben poco, avevo guardato qualche video. Intuibile che avesse fatto storia, ma quando la storia non la si vive, è difficile capirne la portata.
Oggi vi propongo un paio di video, in cui Poli mostra tutta la sua ironia, la sua identità queer, e prima ancora la sua grande bravura.
E' uno dei migliori esempi di checca che io abbia mai visto! Un vero frocio - e ce n'è bisogno, credo.


 
 



ps: la Dandini si dimostra molto acuta.
"Eri una donna, e sei una donna, elegantissima!". Ha capito tutto.

5 commenti:

  1. La mamma ha una copia con tanto di autografo del volume di Pini.
    E' stato invitato da iris e Arcigay Nuovi Passi di Udine a presentarlo a Trieste. :)
    Stando a Roma non ebbi l'occasione di partecipare, contavo di leggerlo comunque.

    RispondiElimina
  2. @dario

    Cinzia, te lo sottrarrò con la forza! Anzi, aspetterò che tu inizierai a parlare a manetta come solo tu sai fare e via, soffiato! :D

    RispondiElimina
  3. Questo autunno Poli è alla Sala Umberto con "Il mare"! Conto di andarci!

    RispondiElimina
  4. @Steno

    Contiamo di andarci, vorrai dire! ;-)

    RispondiElimina