sabato 26 novembre 2011

Occhi bionici

Ieri e oggi sono di quelle giornate che proprio dici: "Ma chi me lo fa fa' de campa'? Ch'angoscia, ao'!". Ecco, sto così.
Ne avrei avuti ieri di motivi per gioire, ma niente.
Queste ultime settimane sono state tra le migliori degli ultimi periodi. Mi sento in forma, in forze, carico, pieno di voglia e volontà. Studio e leggo e ricerco a ritmi matti, ma mi sento così bene! 
Dopo l'abbuffata, oggi il conto. 
Mi sento vulnerabilissimo, fragilissimo. Tocca subito inventarsi qualcosa per tirarmi su il morale. Ci penso e vi farò sapere.

C'è da dire, però, che le miscele fanno sempre la loro porca figura.
Starò pure giù, ma due grandi cose ieri, in realtà, sono avvenute. 
Ho finalmente conosciuto e abbracciato di persona, in occasione di un incontro in Sapienza, Loredana e Giovanna. Ah, la rete!
Io e Dario abbiamo festeggiato il nostro primo anniversario vicini. Insieme ad una splendida rosa rossa, guardate qui cosa mi ha regalato. Ditemi voi come si fa a non piangere.

ps: preso dalla malinconia, mi diverto a fotografarmi post visita oculistica con tanto di somministrazione di gocce allargatrici di pupille ad un solo occhio.



10 commenti:

  1. Ma tu che hai l' affinità elettiva con il fotografo, una bella foto come si deve a quegli occhioni o altro te la sei mai fatta fare? (un calendario andrebbe bene pure, in caso ti stessi chiedendo cosa regalarmi per Natale).

    Non posso scriverlo da quell' uomo che non conosco e pare brutto, ma trovo che borghese sia dalle sue parti un aggettivo ricorrente, come mai?

    E la scena del post-it, il giorno che scrivo una sceneggiatura, sappi che me la riciclo.

    RispondiElimina
  2. @Mammamsterdam

    Facciamo così. Se tu me mandi la cioccolata alle nocciole per Natale, io te mando un calendario con mie foto alterne: una stile macho con tanto di serpentone al collo, l'altra con giarrettiera. (Oddio, pensandoci bene, sono trash entrambe, ma una più frocia dell'altra!). Solo degli occhi che te ne fai quando ce stanno 'sti bei 54 kg da sbattete 'n faccia? :D

    Borghese gliel'ho ficcato in testa io, mi sa. Deve ancora sintonizzarsi bene sulla frequenza, io e lui lo usiamo per tutto. Ma so che con me ci scherza molto su.

    Ho trovato geniale anch'io l'idea post-it. Crea belle immagini, il mio Darietto.

    RispondiElimina
  3. No, lo voglio anche io il calendario! E certo! Con tanto di dedica.. e comunque Dario scrive benissimo..


    Seya

    RispondiElimina
  4. Lo so: il mondo pullula di mie fan! Del resto, come resistermi?! o.O

    Dario scrive bene assai. Borioso, il ragazzo, e formale anziché no. Ma è tutta immagine. In fondo, è un mezzo cazzone - nel senso di burlone del tutto alla mano.

    RispondiElimina
  5. anvedi che effetto david bowie.....adesso m'hai invitato e io nun me levo più sa?

    RispondiElimina
  6. @Pentapata

    Hai visto sì?!
    E nun te scolla', te vojo qua! ;)

    RispondiElimina
  7. il tuo primo piano mi ha incollato! Ti riguardo e poi mi metto a giocare
    con un post it sullo schermo coprendo una metà alla volta.
    Vedo due facce diverse, due persone, due modi di vedere il mondo.
    Quello a sinistra sicuramente sceglie il turco o il romeno, quello a destra il giapponese o il sanscrito. Hanno amici molto diversi tra di loro. Il sinistro è già fidanzato, è una storia importante e dura da un po', il destro è in attesa...ma più di tanto non è interessato. E convivono.. e quella foto mi e ci riguarda. Hai presente quei giochi di trasformismo alla Brachetti dove metà del corpo e della faccia sono una persona e dall'altra parte completamente un'altra. Donna, uomo,,anche nel teatro giapponese ho visto qualcosa di simile.Guarda tu una pupilla dilatata cosa provoca. Pensa un po' un bel travestimento. Che fortuna gli attori. This must be the place!!

    RispondiElimina
  8. @leadershit

    Ti amo! Dopo una simile lettura della mia stronzata non posso che amarti!
    ps: tu ti droghi, Andrea?

    RispondiElimina
  9. Anch'io ho fatto la visita oculistica pochi giorni fa e anch'io ho dovuto mettere le gocce, due volte. Una per controllare la pressione dell'occhio, l'altra per controllare la retina. Ero da sola e non riuscivo a tornare a casa perché vedevo tutto sfuocato. Adesso ci rido, allora mi ha preso il panico. Non ho pensato però di fotografarmi le pupille hehehehehe!!!!!!

    RispondiElimina
  10. @destinazioneestero
    Male hai fatto, cara mia, male! ;)
    Sempre meglio fotografare pupille che un tuo schianto con la macchina!

    RispondiElimina