giovedì 24 novembre 2011

Una nuova lingua

Sto rosicando anziché no.
Delusione potente.
Rimediarvi subito è altamente necessario.

Un paio di giorni fa incontro sul treno una collega di università, che così, en passant, mi comunica che studia lingua romena da due anni, sai, eh, e allora, ti dicevo ...?
Chissene frega cosa mi dicevi! Torna indietro e parliamo della lingua!
La informo che fin da quando ho iniziato l'università ho provato a intrecciare il mio percorso con lo studio di una nuova lingua, e romeno era ed è di sicuro tra le scelte più ambite.

1. E' il perfetto mix tra lingue romanze e lingue slave - ci sguazzo.
2. Una lingua e una cultura che tutti snobbano, quando non offendono, vi pare che io me la lasci sfuggire così?
3. Sarebbe mica poco utile, nè?

Mi informo, mi riinformo, mi sbatto a destra e a manca. Guardate un po' qui  dove avrei potuto studiarla, e gratise!
Invece? Tutto scoppiato in un puff. Posti terminati.

A questo punto mi sono fissato che devo iniziare lo studio di un'altra lingua. Per forza. Di forza. Ormai è deciso.
Quale?

20 commenti:

  1. @Mammamsterdam
    Tu sei de parte, così! Polacco boh, puoi immaginare quante volte io ci abbia pensato, da russista ... ma qualcosa non mi convince. Boh.
    Olandese?! No, ecco, prima scrematura: non una lingua germanica.

    @Diego
    Serbo è un'idea ... mumble

    RispondiElimina
  2. qualche indioma scandinavo?
    Oppure l'ungherese che, mi hanno detto, è piuttosto ostico.
    A voler essere più terra terra e a seguire un interesse più squisitamente economico invece, mi sentirei di consigliarti il cinese Mandarino visto che, a quanto pare, sarà una delle lingue più usate in futuro. (anche se forse Venezia è una sede più adatta per le lingue orientali).
    il rifiuto delle lingue di ceppo germanico è dovuto a qualche motivo preciso?

    RispondiElimina
  3. Mmm..a me ispira moltissimo l'arabo oppure un qualche dialetto indiano. Certo però che se vuoi restare nel mondo slavo direi polacco oppure macedone, serbo...


    Seya

    RispondiElimina
  4. @seya
    Per l'arabo non ho mai avuto un profondo interesse. Un po' come una lingua orientale, non puoi permetterti di studiare l'idioma senza cominciare parallelamente uno studio molto approfondito dell'intero quadro letterario e culturale, nonchè storico.

    @Asa_Ashel
    Dunque.
    Il cinese, oltre che per il motivo che illustravo a seya, non mi convince molto. Di sicuro, farei molto, molto volentieri un po' di giapponese. Ma visto che la lingua che vorrei cominciare sarebbe "a tempo perso" per ora, dati gli impegni, e che il giapponese di certo non ti permetto di studiacchiarlo, vuole ben altro, non si può.
    Le lingue germaniche ... no, nessun rifiuto o repulsione particolare. Ho studiato tedesco al liceo (linguistico) per 4 anni, qualcosina ricordo ancora, ma lo trovo una lingua da gioco, da divertimento, Ad incastro, come i lego. Prendevo dieci non perchè mi appassionasse, ma perchè sfidavo la lingua.
    L'ungherese è da pensarci, sai? Sarebbe figo fare qualcosa di non indoeuropeo.

    RispondiElimina
  5. La lingua dei pesci rossi. E' così misteriosa :)
    (comunque anche io odio l'estate)
    biblioceca.ilcannocchiale.it

    RispondiElimina
  6. @ambra

    Ciao anche a te!
    Ai pesci rossi, devo direeeee, non avevo proprio pensato.
    Però, però. Dimenticavo di dire che qualcosa che farei con grande gioia è lo studio della LIS. Ecco, sarà mica la volta buona?

    RispondiElimina
  7. su quest'ultima potrei seguirti perché se alcune cose continuano di questo passo in futuro ne avrò bisogno sul serio e poi mi intriga da matti poter comunicare senza dover usare la voce. E con questo commento puoi capire in parte perché invidio la tua capacità di apprendere le lingue.

    RispondiElimina
  8. Portoghese del Brasile. :) senza dubbi. è una lingua calda, avvolgente, sentimentale. Dopo l'inglese sarà il mio prossimo passo :)

    RispondiElimina
  9. anche io ti avrei consigliato il cinese...ma all' università orientale di Napoli
    ma ho già letto la tua risposta.
    opterei sicuramente per la lis, anche per i buoni sbocchi professionali :) ciao

    RispondiElimina
  10. @Marina_Marea e S.

    Grazie anche a voi! Terrò conto dei vostri consigli, insieme a tutti gli altri ;)

    RispondiElimina
  11. Caro amico mio...Di consigli te ne hanno già dati tanti però volevo ribbadire il mio pensiero. Ti consiglio caldamente il Portoghese brasiliano e sai bene perchè, anche se l'idea della LIS mi sembra MERAVIGLIOSA! Sappi che se decidi di fare questo passo sul quale io medito da tanto, ti seguirò di corsa!

    RispondiElimina
  12. Attenzione attenzione!
    Faccio notare a tutti i miei lettori e lettrici che tale Vero, che ha scritto su, è quel pagliaccio della mia migliore amica! :D

    Non so, tesoro, mi sa che ho realized che portoghese per me è una passione d'orecchio, non da studio. Un po' triste, ma pure un po' felice.
    LIS - ci penserò ancora su.

    RispondiElimina
  13. Fossi in te mi butterei a pesce sul portoghese...
    a tra qualche giorno :-)
    Silvia

    RispondiElimina
  14. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

    RispondiElimina
  15. @Silvi@

    Già, sto arrivando alla conclusione che ho sempre amato il portoghese brasiliano ma per puro piacere, mai con l'intenzione di dedicarmici.
    Ormai il dado è tratto:
    1. romeno
    2. turco
    3. sloveno

    Chi lo sa?

    RispondiElimina
  16. Oppure il Farsi...una lingua meravigliosa.

    Guarda qui:
    http://www.youtube.com/watch?v=l2RJlkhwmRY

    RispondiElimina
  17. Che il farsi fosse stupendo non c'erano dubbi - ma sai, mi riprendo appena dallo choc del cirillo. Un altro alfabeto fresco fresco no, non ce la posso fare ora! :D

    RispondiElimina
  18. Studia il turco! Io lo comincio la prossima settimana... così ci confrontiamo!

    RispondiElimina