venerdì 3 febbraio 2012

30 giorni di libri

Avevo in mente un altro post: rimandato. 
Non ho potuto resistere a questa sorta di autointervista (come del resto non resisto ai test, tipo quelli di Cioè), di quelle interviste che non mi hanno mai fatto, un po' come fa Matteo B Bianchi sul suo blog. Stavolta, però, copio l'idea da Seya (The Butler Domain), che a sua volta l'ha presa da qui.
Per conoscersi (considerando che le risposte che scriverò qui sotto potrebbero cambiare domani, ma va bene così).

1. Il tuo libro preferito. Non credo sia possibile rispondere. Per nessuno.
2. La tua citazione preferita. Perché se si vuole paragonare la vita a qualcosa bisogna paragonarla a una corsa in metropolitana a ottanta chilometri all'ora - al termine della quale ci si ritrova al capolinea senza più forcine nei capelli! (V. Woolf, Il segno sul muro)
3. Il tuo personaggio preferito di un libro che hai letto. Uccia di Madre, Patria di Bożena Keff.
4. Il libro più brutto che tu abbia mai letto. Due di due di Andrea De Carlo.
5. Il libro più lungo che tu abbia mai letto. Io uccido di Giorgio Faletti.
6. Il libro più corto che tu abbia mai letto. Elogio dell'antropologia di Claude Lévy-Strauss.
7. Il libro che ti descrive. La locandiera di Carlo Goldoni. Ricordo che lo leggevo ed ero felice.
8. Un libro che consiglieresti. Essere maschi di Stefano Ciccone.
9. Un libro che ti ha fatto crescere. Sul tradurre. Esperienze e divagazioni militanti di Susanna Basso.
10. Un libro di un tuo autore preferito. Esperimenti di felicità provvisoria di Matteo B Bianchi.
11. Un libro che prima amavi e che ora odi.  La filosofia di Andy Warhol di Andy Warhol.
12. Un libro che non ti stancherai mai di rileggere. La corsa del tempo di Anna Achmatova.
13. Il libro che in questo momento hai sulla scrivania. (Sempre se ne hai uno :3)
Un cuore meccanico di Paola Buoncristiano.
14. Il libro che stai leggendo in questo periodo. Il movimento gay in Italia di Gianni Rossi Barilli.
15. Apri il primo libro che ti capita tra le mani ad una pag
ina a caso e inserisci la foto e la prima frase che ti salta agli occhi. Robivecchi ambulanti, gli "handrlata" con un sacco in spalla giravano di casa in casaa comprare stracci e rottami (Praga magica Angelo Maria Ripellino). 
16. La tua copertina preferita. Quando eravamo froci di Andrea Pini. 
17. Il personaggio con cui ti vorresti scambiare di posto per un giorno. Margherita de Il Maestro e Margherita di Michail Bulgakov.  
18. Il primo libro che hai letto. I miei primi libri: le letture.  
19. Un libro il cui film ti ha deluso. Il profumo di Patrick Süskind.
20. Un libro dove hai ritrovato un personaggio che ti rappresentasse. Matrimoni gay di Piergiorgio Paterlini.
21. Un libro che ti ha consigliato una persona importante per te.
La volontà di sapere di Michel Foucault. 
22. Un libro che hai letto da piccolo. Il talismano dell'Adriatico di Joan Manuel Gisbert. 
23. Un libro che credevi fosse come la gente ne parlava e invece sei rimasto o deluso o colpito. Il Gattopardo di Giuseppe Tomasi di Lampedusa.
24. Il libro che ti fa fuggire dal mondo. Sinceramente nessuno, tutti i libri che amo nel mondo mi ci buttano. 
25. Un libro che hai scoperto da poco. La confusione è precisa in amore di Vittorio Lingiardi. 
26. Un libro che conosci da sempre. Piccole donne di Louisa May Alcott.
27. Un libro che vorresti aver scritto. Lolita di Vladimir Nabokov. 
28. Un libro che farai leggere ai tuoi figli. Obrazy Italii di Pavel Muratov. 
29. Un libro che devi ancora leggere. Rovine e macerie. Il senso del tempo di Marc Augé. 
30. Un libro che ti ha commosso. Tutto sull'amore di bell hooks.

14 commenti:

  1. Come mai nessun commento a questo bel post???
    Trovo sempre affascinante sbirciare e curiosare nelle librerie altrui...mi sembra un posto molto intimo in cui conservare parte di quello che ha fatto di te quello che sei.
    Un libro è sempre un nuovo viaggio.

    Mi hai dato tanti titoli che non conoscevo...spero di poter rimediare quanto prima nel leggerli!!
    Ti abbraccio!
    Fede

    RispondiElimina
  2. Forse voi avete di meglio da fare che leggere me, in particolare in questo mio periodo depression on :D

    Sono d'accordo. Come io stesso ho scritto, questo post nasce con l'obiettivo di farvi scoprire cose nuove di me, che non fa mai male. E i libri sono, anche in questo, ottimi amici.

    leggiamo, leggiamo!

    RispondiElimina
  3. Due di due non t'è piaciuto? io lo lessi al ginnasio e ne ho un buon ricordo.
    Ora ho finito l'ultimo Stephen King, 22/11/'63, bellissimo! Ho iniziato Appunti di un venditore di donne di Faletti

    RispondiElimina
  4. @Paolo

    Sono sincero: lessi De Carlo al liceo e mi smbombardai. Forse è il caso di rileggerlo :)

    RispondiElimina
  5. Vorresti aver scritto Lolita?..oddio, credo sia uno dei pochi libri che mi è piaciuto tantissimo e mi ha preso in maniera quasi morbosa ma che non rileggerei mai più..non so, mi ha fatto venire un pò di ansia una volta concluso, forse era il periodo (diciamo che a 17 anni non è poi così soft..).
    Per il resto ci sono un sacco di titoli che non conosco..e un paio che mi sono segnata! Vediamo se riesco a ricominciare un pò a leggere..XD


    Seya

    RispondiElimina
  6. Certo, signora mia! Io l'ho finito con un magone che levate ... Però è un capolavoro. Capolavoro assoluto. E di nuovo a dire: ma chi l'ha scritto, eh? Chi? Ma un russo, ovvio!

    ps: sai che la mia docente l'altro giorno m'ha fatto una capa tanta su qaunto è bravo Plusenko e io sapevo chi fosse? :D

    RispondiElimina
  7. U.U...ottimo ottimo! mi sento molto lusingata di averti fatto fare una buona figura!! XDXD


    Seya

    RispondiElimina
  8. Rubo :) bel blog, complimenti

    RispondiElimina
  9. Molte letture comuni, ma direi preferenze diverse (io sono, nonostante il mio nome, molto meno slava). Interessante auto-biografia libraria!

    RispondiElimina
  10. @Vix
    Grazie!

    @la povna
    Sì, ammetto che slavista è poco, slavofilo pure: sono slavodipendente! :)

    RispondiElimina
  11. Il Maestro e Margherita è uno dei miei preferiti!
    Sei rimasto deluso dal Gattopardo?!

    RispondiElimina
  12. @destinazioneestero

    NO, al contrario: mi era stato detto "Lassa perde, ché è una palla", invece è un capolavoro! Forse erano troppo giovani i miei amici per capirlo. :)

    RispondiElimina
  13. O.O: Lorenzo!!!
    Ti sorprende il 12?! E perché? Mumble ... spiega, va'. Dovrebbe farti felice, però, il 21 ... o hai sbagliato a scrivere l'ordine delle cifre? ;)

    RispondiElimina