venerdì 4 maggio 2012

The truth about me

Avrei una voglia matta di scrivere un paio di post lunghi e appallanti sul mio bel blog, condividere con voi un sacco di pensieri - scusatemi se vi sto trascurando - ma sono distrutto. Ci proverò domani.
Perciò, per stasera mi limiterò a postarvi una foto scattata e vivacizzata da Dario. Dice che qui è racchiusa l'essenza di Amedeo, un falso ipocrita salvapparenze. L'ha intitolata "The truth about Amedeo Pagliaroli" - non è odioso?!


Ma io lo so, io lo so che si tratta soltanto di un modo per attirare la mia attenzione, per farti dire che ti voglio bene!
Fai buon viaggio. Mi mancherai molto anche questa volta, ma ti porto con me.

5 commenti:

  1. Oggi giornata buia e leggo il tuo blog con un minimo di nostalgia... quel tanto che basta per leggerlo con gli occhi rugiadosi.

    No, non sei un falso, ipocrita salvapparenze, Te lo devo dire, altrimenti inizierai a credere ai miei giochi, prima o poi.

    Io torno presto a Roma... se non per gli esami, per piacere; se non per piacere, per salvezza. Ma torno.

    TI abbraccio

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Darié,

      io non ti credo - come credere ad un buffone come te?! :)
      Davvero, mi diverti molto. So che giochi, so che ti diverti, e mi diverte che tu ti diverti con me.

      Proviamo a farla passare 'sta tristezza. La nostalgia si annienta facile: quando ti manco mi chiami e io ti sciorino una bella canzoncina latinoamericana di quelle dozzinali che tu tanto ami, eh? :)

      Ti amo.

      Elimina
  2. (...) C'è un giorno
    Che ci siamo perduti
    Come smarrire un anello
    In un prato
    E c'era tutto un programma
    Futuro
    Che non abbiamo avverato
    E' tempo che sfugge
    Niente paura
    Che prima o poi ci riprende
    Perchè c'è tempo, c'è tempo
    Per questo mare infinito
    Di gente...

    RispondiElimina
  3. Definirti una sorpresa è troppo poco.

    RispondiElimina